DIMENSIONE AMBIENTALE

LA MAPPATURA DEI SITI UBICATI IN AREE PROTETTE O AD ELEVATA BIODIVERSITÀ

 


OLTRE IL 50% DELL’ACQUA DISTRIBUITA DA ROMAGNA ACQUE

PROVIENE DA FONTI UBICATE IN AREE PROTETTE



Parte del bacino imbrifero di Ridracoli si trova all’interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi Monte Falterona e Campigna e della Riserva Integrale di Sasso Fratino, che dal 2017 sono divenuti patrimonio mondiale dell’UNESCO

La garanzia di ottima qualità della risorsa fornita al cittadino dipende anche dalla qualità ambientale dei territori da cui l’acqua viene prelevata, perché è fortemente condizionata dalle caratteristiche chimico-fisiche iniziali dell’acqua grezza ai punti di raccolta. 

Bere acqua che proviene da zone protette o a elevata biodiversità può essere quindi una ricchezza e una fonte di garanzia sia per il cittadino sia per la Società stessa, che da sempre si impegna per mantenere inalterate le aree interessate. 

Già a partire dal 2012 la Società ha intrapreso un’importante attività di mappatura degli impianti ricadenti in aree protette e nei siti appartenenti alla Rete Natura 2000 e, nel rispetto delle regole previste per queste aree, ha definito un’apposita procedura relativa alle modalità operative da osservare all’interno delle zone coinvolte

Si tratta di linee di condotta che partono da lontano, di strumenti interni adottati per controllare la correttezza dei comportamenti, di risorse, anche economiche, dedicate al mantenimento della qualità ambientale delle aree in questione

Una serie di “costi ambientali” che la Società ha sostenuto ante litteram, anticipando il dibattito in ambito normativo e tariffario che solo più di recente si è avvicinato a queste tematiche, attraverso l’individuazione di idonei strumenti per il riconoscimento del valore e dell’importanza dei servizi resi dagli ecosistemi naturali (c.d. “pagamenti ecosistemici”). 

 


NEL CORSO DELL'ANNO, IN NESSUNO

DEI SITI OPERATIVI SONO STATI

RILEVATI IMPATTI SIGNIFICATIVI SULLA

BIODIVERSITÀ.


 

Per questo, non è stato necessario attuare azioni e strategie in merito. L’attività di potabilizzazione, infatti, intesa come captazione e trattamento della risorsa idrica, non genera impatti negativi significativi sugli ecosistemi nel territorio romagnolo. 

La Società privilegia le fonti di superficie per preservare le falde acquifere e, per la salvaguardia dell’habitat, in tutti i territori coinvolti dal prelievo di acqua di superficie presta particolare attenzione al rispetto del deflusso minimo vitale di acqua nei corsi dai quali viene prelevata la risorsa, rilasciando talvolta anche quantitativi superiori rispetto a quelli imposti dalle normative di concessione. 

La Società inoltre opera nel pieno rispetto del Piano di Tutela delle Acque (PTA), elaborato dalla Regione Emilia-Romagna quale strumento regionale volto a raggiungere gli obiettivi di qualità ambientale nelle acque interne e costiere della Regione e a garantire un approvvigionamento idrico sostenibile nel lungo periodo.