Identità e governo della sostenibilità

DAI PRINCIPI ALLE AZIONI: i nostri impegni di oggi per il futuro

L’approccio utilizzato per la redazione del presente Bilancio di Sostenibilità si basa sulla cosiddetta “analisi di materialità”.

È uno studio di tipo interno che consente di individuare ogni elemento o aspetto di carattere economico, ambientale e sociale che possa avere un impatto positivo o negativo sulle performance della Società e che sia in grado di influenzare le decisioni degli Stakeholder.

Questa attività consente di mappare tutti i principi e le priorità strategiche, e conseguentemente programmare le azioni da svolgere, monitorare le attività effettivamente svolte e allo stesso tempo individuare le intenzioni future.

 


CIASCUNA PRIORITÀ STRATEGICA INDIVIDUATA DALLA SOCIETÀ

È CORRELABILE CON UNO O PIÙ DEI 17 OBIETTIVI DELL’AGENDA 2030
PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE, INDIVIDUATI DALL’ONU
PER TRASFORMARE IL NOSTRO MONDO


Ciò che ne deriva è la tavola di seguito riportata, la cui struttura a matrice consente di individuare le informazioni trattate nel presente Bilancio e il loro effetto economico, ambientale o sociale sia per gli Stakeholder sia per la Società.

 

DIMENSIONE AMBIENTALE

 


 

 

 

 

 

 

 

 

PRIORITÀ
STRATEGICHE

Conservazione risorse
naturali per garantire
acqua in quantità e
qualità adeguate

Limitazione degli
impatti su fonti
naturali di prelievo,
ecosistemi e aree
protette

 

 

 

STAKEHOLDER
INTERESSATI

ISTITUZIONI
COLLETTIVITÀ
CLIENTE

     
ABBIAMO
DETTO

ABBIAMO
FATTO NEL 2017

FAREMO
NEL 2018
Assicurare la continuità operativa (approccio di Business Continuity) attraverso un’appropriata analisi dei possibili rischi (Risk Assessment) o criticità per la conseguente definizione di piani d’intervento atti a minimizzare il rischio o gli effetti dell’evento

Completamento dell’analisi di Risk Assessment sul sistema Ridracoli-Capaccio e Fonti Locali di Rimini

Prosecuzione delle analisi sul sistema Acquedotto della Romagna e sulle Fonti Locali di Forlì
Consolidamento delle collaborazioni con istituti universitari e di ricerca ai fini dell’approfondimento di temi rilevanti relativi alla qualità dell’acqua e del servizio Collaborazioni con: Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna (Pisa), Università Carlo Bo (Urbino), Istituto di Ricerche REF e Politecnico (Milano), DICAM, Facoltà di Scienze Ambientali; Istituto Superiore di Sanità Proseguimento delle collaborazioni citate
Verifica costante della qualità dell’acqua
distribuita

Conseguimento dell’accreditamento in conformità alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025/2005

Garantire costantemente l’utilizzo di metodologie operative di qualità, la competenza tecnica del personale addetto, la disponibilità della strumentazione necessaria, al fine di ottenere dati e risultati accurati e affidabili conformemente a tutti i requisiti normativi nazionali e internazionali


 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

PRIORITÀ
STRATEGICHE

Gestione del
cambiamento
climatico

Efficienza energetica
delle operazioni

 

 

 

STAKEHOLDER
INTERESSATI

ISTITUZIONI
COLLETTIVITÀ

     
ABBIAMO
DETTO

ABBIAMO
FATTO NEL 2017

FAREMO
NEL 2018
Prosecuzione degli studi di fattibilità tecnica ed economica di soluzioni per l’incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili

Prosecuzione delle attività per la riduzione della dipendenza energetica, dei consumi e, più in generale, per l’efficientamento energetico attraverso l’ottimizzazione della rete e delle pressioni

Valutazione di nuove realizzazioni di impianti idroelettrici e fotovoltaici e predisposizione del nuovo Piano Energetico 2019-2021 per la riduzione dei consumi energetici

 

DIMENSIONE SOCIALE

 

 


 

 

 

 

 

PRIORITÀ
STRATEGICHE

Valorizzazione del
capitale umano

Garantire formazione,
istruzione, salute
e sicurezza sul lavoro
adeguate

 

STAKEHOLDER
INTERESSATI

 

ISTITUZIONI
CAPITALE UMANO

     
ABBIAMO
DETTO

ABBIAMO
FATTO NEL 2017

FAREMO
NEL 2018
Sicurezza dei lavoratori: prosecuzione di tutte le iniziative volte alla costante riduzione di frequenza, incidenza e gravità degli infortuni

Prosecuzione dei protocolli siglati con la Direzione regionale dei Vigili del Fuoco e con il Soccorso Alpino e Speleologico dell’Emilia- Romagna (SAER) per le attività di soccorso in territorio montano e attivazione di un protocollo con il 118

Organizzazione di rapporti con i servizi pubblici competenti in materia di soccorso, e prosecuzione dei protocolli d’intesa già avviati.
Mantenimento e consolidamento della formazione dei lavoratori Svolgimento delle attività formative riguardanti, oltre alla sicurezza, anche aspetti di tipo amministrativogestionale e tecnicospecialistico, in risposta a quanto emerso dalle esigenze operative Costante monitoraggio e aggiornamento del Piano di Formazione sulla base delle esigenze operative


 

 


 

 

 

 

 

 

PRIORITÀ
STRATEGICHE

Coinvolgimento
delle comunità locali
e relazioni con gli
Stakeholder

 


PRIORITÀ
STRATEGICHE

CAPITALE UMANO,
COLLETTIVITÀ, SOCI,
CLIENTE, FORNITORI,
FINANZIATORI,
ISTITUZIONI

     
ABBIAMO
DETTO

ABBIAMO
FATTO NEL 2017

FAREMO
NEL 2018
Progettazione e realizzazione di nuove attività di coinvolgimento della collettività e prosecuzione delle attività legate alle convenzioni per l’alternanza scuola-lavoro

Incontri, eventi, convegni, corsi e attività formative sulle tematiche dell’acqua e attivazione di tirocini, stage e percorsi di alternanza scuola-lavoro

Prosecuzione di iniziative volte alla diffusione e alla promozione della cultura e del corretto utilizzo dell’acqua e delle attività in collaborazione con le scuole medie-superiori.
Attività di Stakeholder Engagement Mantenimento delle forme di coinvolgimento dei portatori di interesse attraverso le forme di dialogo già attive Estensione delle indagini agli altri Stakeholder


 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PRIORITÀ
STRATEGICHE

Trasparenza del
proprio operato (Etica
e integrità - Valori
e principi - Anticorruzione)

Massima informazione
sul prodotto fornito
a tutela della salute
e per la sicurezza del
consumatore

 

STAKEHOLDER
INTERESSATI

 

COLLETTIVITÀ,
CLIENTE, ISTITUZIONI,
SOCI, FINANZIATORI,
FORNITORI

     

 

 

ABBIAMO
DETTO

 

 

 

ABBIAMO
FATTO NEL 2017

 

 

FAREMO
NEL 2018

Prosecuzione dell’aggiornamento del Codice Etico, del regolamento sul whistleblowing, del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione e dei protocolli di controllo allegati al Modello di Organizzazione e Gestione ai sensi del D. Lgs. 231/2001

Recepimento delle novità in materia di prevenzione della corruzione e della trasparenza negli enti di diritto privato controllati e partecipati, con conseguente aggiornamento del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza

Recepimento e adozionedi tutte le novità normative in materia.


 

DIMENSIONE ECONOMICA

 


 

PRIORITÀ
STRATEGICHE

Utilizzo razionale delle
risorse economiche

Contenimento
tariffario

 

 

STAKEHOLDER
INTERESSATI

SOCI
ISTITUZIONI
FORNITORI
FINANZIATORI
COLLETTIVITÀ

 

 

     
ABBIAMO
DETTO

ABBIAMO
FATTO NEL 2017

FAREMO
NEL 2018
Prosecuzione dei lavori e delle attività per la realizzazione della nuova sede di Forlì

Avvio alla conclusione dei lavori e delle attività per la realizzazione della nuova sede di Forlì

Prosecuzione delle opere citate nel Piano degli Investimenti 2016-2019
Avvio dei criteri di contabilità industriale unbundling elettrico (separazione contabile) Predisposizione dei sistemi informativi e contabili ai fini dell’applicazione dell’unbundling elettrico Avvio dell’unbundling elettrico su base volontaria