DIMENSIONE AMBIENTALE

Le fonti idriche e gli impianti di potabilizzazione1

L’attività di produzione di acqua potabile da parte di Romagna Acque si sviluppa attraverso fonti di vario genere (di superficie e di falda) e di differente dimensione, dislocate in tutte le province del territorio. Sia dal punto di vista storico che in termini di apporto, la fonte di gran lunga più importante è la Diga di Ridracoli, realizzata a partire dagli anni Settanta a sud dell’abitato omonimo, nell’alta valle del Bidente. A questa fonte, che tuttora soddisfa mediamente la metà del fabbisogno idropotabile del territorio, se ne aggiungono numerose altre, tutte di proprietà e nella gestione di Romagna Acque. Nello specifico, si tratta di diverse tipologie di fonti: prevalentemente acqua di falda nel riminese, prevalentemente acqua di superficie nel ravennate, entrambe nel territorio forlivese e cesenate.

Ogni tipologia di acqua presenta differenti caratteristiche organolettiche e viene trattata negli impianti dislocati in vari punti del territorio romagnolo.

 

  • La provincia di FORLÌ-CESENA

  • La provincia di RAVENNA

  • La provincia di RIMINI