Identità e governo della sostenibilità

Politica per la Qualità, l’Ambiente e la Sicurezza

Nel corso della sua esperienza, la Società ha maturato la convinzione che, per garantire il proprio impegno nel mantenimento di un alto livello qualitativo del servizio, occorra sviluppare comportamenti operativi e politiche che considerino, come descritto, precisi obiettivi ambientali.

Per questo la Società ha deciso di adottare un Sistema di Gestione Aziendale Integrato “QSA” conforme rispettivamente alle norme UNI EN ISO 9001, UNI EN ISO 14001 e BS OHSAS 18001, volto a ottimizzare l’organizzazione attraverso un sistema di pianificazione e controllo delle proprie attività nel rispetto degli obblighi legislativi e nell’ottica del miglioramento continuo.

 


Proteggere l’ambiente e la sicurezza dei lavoratori
è un’attenzione insita nella gestione di ogni attività.


 

I principi base

Il rispetto delle disposizioni normative in materia di salute e sicurezza dei lavoratori e il miglioramento delle condizioni di lavoro.

 

Il rispetto delle prescrizioni legali applicabili che riguardano i propri aspetti ambientali e lo sviluppo di procedure organizzative volte alla promozione e al rispetto dell’ambiente.

 

La prevenzione delle potenziali non conformità.

 

Il coinvolgimento e l’impegno di tutte le componenti aziendali nel perseguire la qualità del servizio, garantendo il rispetto dell’ambiente naturale e un ambito di lavoro sano e sicuro.

 

In tale ambito è presente un sistema di regole interne, ovvero un complesso di disposizioni che sovrintende al flusso delle operazioni di governo della Società, a partire dalla definizione di direttive di macro livello sino alla declinazione di specifici aspetti; in particolare tale sistema è costituito da:

  • protocolli;

  • procedure;

  • istruzioni operative.

 

Inoltre, attraverso l’adozione di un Piano Annuale, la Società tiene monitorati, oltre agli obiettivi aziendali, anche quelli di sostenibilità.

Il Comitato di Direzione e Gestione si avvale di sistemi di controllo interni per verificare periodicamente la corretta applicazione dei sistemi di gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza.

Nel corso degli ultimi anni, la Società sta prestando particolare attenzione al tema energetico in quanto ritiene opportuno, anche in un’ottica di sostenibilità, cercare di risparmiare energia laddove possibile, gestirla in modo efficiente e soprattutto utilizzare quanto più possibile fonti rinnovabili. In questa direzione, sono già state compiute diverse azioni tra le quali risulta di particolare importanza l’adozione di un Sistema di Gestione dell’Energia, costituito da un Energy Team preposto all’implementazione di azioni mirate e alla verifica dell’efficacia delle stesse, con l’obiettivo ultimo di sottoporre il Sistema medesimo a certificazione secondo la norma UNI CEI EN ISO 50001, come meglio approfondito nella “Dimensione Ambientale”.

 

La Politica per la Qualità, la Sicurezza e l’Ambiente è documentata, mantenuta attiva, periodicamente riesaminata, diffusa a tutto il personale, disponibile nell’intranet aziendale e nel sito web di Romagna Acque alla voce “Regolamenti”.

 

Gli impegni della Società

Prevenire i rischi aziendali e la riduzione del rischio di infortuni derivante dai processi dell’Azienda, in particolare per gli incidenti sul lavoro e le malattie professionali, attraverso un’adeguata informazione e formazione del personale, la progettazione e implementazione di processi produttivi rinnovati, con criteri in grado di prevenire possibili eventi accidentali.

Salvaguardare la sicurezza e la salute dei lavoratori e della popolazione, adottando le migliori tecniche disponibili sul mercato ed effettuando la sorveglianza sanitaria nei casi previsti dalla normativa vigente o da specifiche analisi di rischio.

 

Prevenire o ridurre l’inquinamento adattando - in caso di avvio di nuovi impianti produttivi e nel processo di crescita aziendale - tutte le iniziative atte a ricevere adeguate informazioni sui possibili effetti ambientali.

Rafforzare la propria politica rivolta alla riduzione degli impatti ambientali promuovendo progetti finalizzati all’analisi della sostenibilità ambientale, alla riduzione e alla neutralizzazione dell’impatto che la Società ha nella gestione dei propri processi.

Produrre energia elettrica da fonti rinnovabili attraverso la costruzione di impianti fotovoltaici e centrali idroelettriche.

Sostenere ogni azione diretta a promuovere e proteggere l’ambiente, la salute e la sicurezza degli abitanti delle zone limitrofe agli impianti e a far sì che le attività svolte non presentino rischi significativi per le persone e per l’ambiente.

 

Rispettare la conformità normativa, non solo per le attività operative svolte direttamente dalla Società, ma anche per quelle dei fornitori selezionati.

Definire e riesaminare, periodicamente, indicatori e relativi obiettivi di miglioramento in termini di qualità, sicurezza e di ambiente riferiti a tutti i principali processi aziendali.

Ricercare soluzioni per un’applicazione efficace della gestione del rischio, identificando, analizzando, valutando, riducendo e monitorando i rischi associati ai processi che gestisce la Società.

Sottoporre a periodico riesame la politica e l’applicazione del Sistema di Gestione Aziendale Integrato per valutarne correttezza ed efficacia, nell’ottica del miglioramento continuo.

 

Migliorare continuamente il servizio svolto, in termini di qualità, affidabilità, sicurezza, tempestività, puntualità e flessibilità, e fornire quindi un prodotto e un servizio alle migliori condizioni qualitative, economiche e industriali, nel rispetto degli indirizzi attuati dagli Organi Istituzionali Competenti.

Guidare e controllare l’attuazione del Sistema di Gestione Aziendale Integrato “QSA” favorendo e sostenendo - mediante riunioni informative, pubblicazioni interne o altro - la diffusione di tale cultura a tutti i livelli del personale, oltre che a tutti i collaboratori dell’organizzazione, ai fornitori, ai clienti e alla popolazione.

Coinvolgere tutta la struttura aziendale, attivando programmi di formazione e addestramento del personale per una sua maggior sensibilizzazione, al fine di accrescere la responsabilità e la competenza dell’organico in materia di rispetto dell’ambiente, della qualità del servizio prestato e della sicurezza del lavoro.

Puntare alla trasparenza e alla comunicazione, informando i collaboratori, il mondo esterno e il cliente sui risultati conseguiti e gli obiettivi da raggiungere per quanto concerne la sicurezza, la qualità e la tutela dell’ambiente.

Sensibilizzare gli utenti finali affinché adottino regole comportamentali per il risparmio della risorsa idrica.

 

Politica per la qualità dell’acqua

Pubblicazione dei dati sulla qualità dell’acqua

Romagna Acque è impegnata nella diffusione delle informazioni relative alla qualità della risorsa idrica erogata mediante il sito web aziendale, grazie al quale dalla fine del 2014 è possibile visualizzare tutti i punti di consegna dell’acqua al gestore del servizio idrico presenti sul territorio romagnolo e per ognuno verificare l’ultima analisi eseguita dal laboratorio di Romagna Acque e accedere allo storico di tutte le analisi eseguite sul medesimo punto di campionamento, a partire dal 2012.

 

Il controllo dello stato trofico

Un’efficace tutela dell’ambiente e in particolare delle risorse idriche è tra i principali obiettivi che Romagna Acque intende perseguire e difendere nel tempo. Per questo motivo la Società ha affidato il controllo dello stato trofico dell’invaso di Ridracoli al Centro Ricerche Marine di Cesenatico, Laboratorio Nazionale di Riferimento per le biotossine marine dalla Comunità Europea.

Il mantenimento delle ottime caratteristiche qualitative dell’acqua di Ridracoli, molto più simili a quelle di un’acqua minerale che non di un’acqua superficiale, da circa 30 anni a questa parte ne è la conferma.

 


Ad oggi sono stati eseguiti oltre 8.000 campioni
su cui sono state condotte quasi 50.000 determinazioni
di parametri chimico-fisici
quali trasparenza, ossigeno disciolto, temperatura, pH e conducibilità.


 

Questi controlli sono poi stati estesi anche alle acque trattate nell’impianto di potabilizzazione NIP di Ravenna, ovvero alle acque provenienti dal fiume Lamone, dal fiume Reno e dal Canale Emiliano Romagnolo.