Performance ambientale

Rete distributiva - Lo sviluppo della produzione di energia da fonti rinnovabili attraverso impianti fotovoltaici ed idroelettrici, impianti cogeneratori


0,753

coefficiente di
dipendenza
energetica nel
2013 (nel 2012
era pari a 0,868)

I principi su cui basare le scelte strategiche in campo energetico di una comunità dovrebbero ricondursi sostanzialmente al perseguimento di obiettivi quali:

 l’uso razionale dell’energia al fine di conseguire il maggiore risparmio energetico possibile;

 l’impiego di fonti rinnovabili.

È in considerazione di ciò che Romagna Acque - Società delle Fonti S.p.A. ha da tempo valutato la possibilità di sviluppare investimenti volti a garantirle un aumento della quota di autoproduzione energetica da fonti rinnovabili e conseguentemente un miglioramento della sostenibilità ambientale della produzione idrica. I consumi di energia elettrica rappresentano infatti un tema di grande importanza economica per il bilancio e per il futuro della Società e ammontano a circa il 50% dei costi complessivi di fornitura. Per tali motivi la Società si è data l’importante obiettivo di giungere, entro il 2018, ad un coefficiente di dipendenza energetica pari a 0,6.

Per Romagna Acque - Società delle Fonti S.p.A. la produzione di energia da fonti rinnovabili è possibile grazie a:

  • centrali idroelettriche che sfruttano i salti altimetrici dell’acqua
  • impianti fotovoltaici situati sulla rete distributiva

 

 

7.479

MWh energia
prodotta
dall’impianto
idroelettrico di
Monte Casale

Impianti di produzione idroelettrica

Nel salto altimetrico tra l’invaso di Ridracoli e le vasche di raccolta a Isola, è posizionata una centrale idroelettrica di proprietà di Enel Green Power S.p.A., costruita sulla base di una convenzione stipulata con l’allora Consorzio Acque e che prevede l’utilizzo del primo salto altimetrico dell’acqua (250 m) per un periodo di 50 anni, fino al 2031. La centrale ha una potenza di 7 MWh e nel 2013 ha prodotto 36.015 MWh (129.653 GJ annui)

Romagna Acque - Società delle Fonti S.p.A. sfrutta un ulteriore salto altimetrico, pari a circa 100 m, tra l’impianto di potabilizzazione di Capaccio e le vasche di raccolta situate a Monte Casale di Bertinoro, dove ha installato una propria centrale idroelettrica funzionante dal giugno del 2000. La potenza della centrale è di 1 MWh e nel 2013 ha prodotto una quantità di energia corrispondente a 7.479 MWh (26.925 GJ annui).

 

Certificati Verdi

I certificati verdi sono titoli negoziabili che nascono da una forma di incentivazione riconosciuta alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Si tratta di certificazioni che corrispondono ad una certa quantità di emissioni di CO2 “risparmiata”. Il 2013 è l’ultimo anno in cui è prevista l’assegnazione di certificati verdi, come disposto dal D.M. 18.12.2008.

 

2011

2012

2013

Certificati verdi assegnati

6.279

5.402

7.392

Certificati verdi venduti

6.279

5.402

7.392

Ricavi dalla cessione dei certificati verdi

515.631 (+I.V.A.)

433.997 (+I.V.A.)

659.958 (+I.V.A.)

Fonte: Servizio distribuzione conduzione e manutenzione rete.

 

Oltre a questi due salti di pressione maggiori, già sfruttati dalle centrali idroelettriche di Isola e Monte Casale, sono presenti altri salti minori, utilizzabili per la costruzione di mini o micro centrali idroelettriche. La produzione di energia idroelettrica ha assunto infatti nell’ultimo periodo un rinnovato interesse, derivante sia dalle nuove forme di incentivazione per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili attuata con DM 06.07.2012 (che rende molto più vantaggiosa la produzione di energia idroelettrica, soprattutto per i piccoli impianti), sia dalla disponibilità sul mercato di nuove tecnologie (es. PAT – acronimo di Pump As Turbine). In particolare, il settore del mini e micro idroettrico rappresenta oggi l’ambito di maggiore interesse nel campo delle energie rinnovabili. In seguito alle valutazioni derivanti da uno studio di fattibilità appositamente realizzato dalla Società, è stato deciso di procedere all’avvio del percorso realizzativo di alcune micro-centrali individuate fra quelle più produttive ed in grado di permettere lo sfruttamento di oltre il 60% del potenziale idroelettrico ancora disponibile nell’Acquedotto della Romagna.

 

I dati di progetto delle cinque micro-centrali idroelettriche sono riportati nel seguente grafico:

Potenza nominale di concessione totale (in kw)

 

 

678,8

kw potenza
totale di picco
degli impianti
fotovoltaici

Impianti di produzione tramite conversione fotovoltaica

Nel corso dell’anno la Società ha effettuato una valutazione sulla possibilità di installare impianti fotovoltaici in particolare su coperture di serbatoi o di altri edifici nei propri impianti idrici, focalizzando l’interesse nei siti dove una buona parte della produzione può essere assorbita direttamente da autoconsumi.

 

 

 

 

L’energia elettrica prodotta viene utilizzata principalmente per alimentare gli impianti della Società, riducendo quindi i prelievi dalla rete elettrica; l’energia in eccesso viene ceduta alla rete ENEL.

 

Impianti di cogenerazione

Per quanto riguarda il futuro, saranno sviluppati nuovi studi al fine di verificare la sostenibilità economica della costruzione di altri impianti fotovoltaici nel nuovo contesto nazionale caratterizzato dalla cessazione degli incentivi, mentre ulteriori studi riguarderanno la verifica della fattibilità tecnica ed economica nella riduzione di consumi di energia primaria e nella possibile eventuale produzione di energia da fonte rinnovabile quale la cogenerazione. Gli studi saranno in particolare concentrati sul sito di Capaccio dove, la contemporanea presenza del potabilizzatore e di una sede operativa e direttiva, comporta rilevanti consumi di energia elettrica e gas. Si verificherà quindi la fattibilità tecnica ed economica dell’efficientamento degli impianti, della realizzazione di impianti di cogenerazione di energia elettrica e calore o in alternativa di impianti di riscaldamento/raffrescamento a pompa di calore.

 

Gli impianti idroelettrici e fotovoltaici descritti hanno determinato i seguenti valori di produzione di energia elettrica (considerando anche la centrale idroelettrica di Isola gestita da Enel Green power) e dunque i relativi risparmi di emissioni di CO2.

   

ENERGIA PRODOTTA (Kwh)

RISPARMI di EMISSIONI di CO2 (t)

   

2011

2012

2013

2011

2012

2013

 

Monte Casale

6.359.796

5.467.731

7.479.236

3.247,30

1.771,50

2.269,90

Isola

28.106.244

19.230.888

36.014.652

14.351,00

6.230,80

10.930,40

 

6 nuovi

impianti*

0

0

152.364

0

0

46,20

TOTALE

 

34.466.040

24.698.619

43.646.252

17.598,30

8.002,30

13.246,50

Fonte: Dati forniti da Enel Green Power S.p.A. per la Centrale di Isola e dal Servizio Distribuzione Conduzione e Manutenzione Rete di Romagna Acque-Società delle Fonti S.p.A. per la Centrale di Monte Casale.

* Tutti gli impianti entrati in funzione dal terzo quadrimestre del 2013 in poi, tranne Forlì Magazzino entrato in funzione nel mese di febbraio 2014.