Performance economica

Premessa

Il presente capitolo trae spunto dal Bilancio d’esercizio della Società, che è stato redatto secondo i criteri previsti dalla vigente normativa civilistica, interpretata e integrata dai principi contabili statuiti dai Consigli Nazionali dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri, così come adottati ed integrati dall’Organismo Italiano di Contabilità. Il 2013 è il secondo anno in cui i dati economici di bilancio tengono conto dell’assoggettamento alle regole tariffarie disposte dall’AEEGSI, sia per quanto concerne la fornitura idrica all’ingrosso che i canoni per i beni concessi in uso oneroso al gestore del SII; in specifico i risultati della gestione 2013 recepiscono quanto previsto dal Metodo Tariffario Transitorio (MTT), ex delibera 585/2012 e smi, per il biennio 2012-2013, il tutto come definito dall’ente d’ambito competente (ATERSIR). I risultati economici 2013 sono in forte crescita rispetto all’anno precedente; si evidenzia che il bilancio 2012 aveva recepito, in un’ottica di prudenza, tutti quegli elementi connessi alla nuova regolazione tariffaria e non ancora del tutto chiari alla data di chiusura del bilancio stesso; anche per effetto di tale comportamento assunto nel bilancio 2012, la successiva definizione in termini positivi per la Società dei suddetti elementi di incertezza ha comportato l’emergere di sopravvenienze attive anche rilevanti nel bilancio 2013.

2013

risultati economici in forte crescita: utile netto + 18,2% del valore della produzione

I nuovi meccanismi di conguagli tariffari, in modo più chiaro e trasparente rispetto alle normative e sistemi di regolazione precedenti, rendono neutre, ai fini dei ricavi di competenza di ciascun anno per la vendita dell’acqua all’ingrosso, le variazioni dei volumi venduti rispetto a quelli previsti nei Piani Economici Finanziari (PEF) approvati dall’Ente d’Ambito. Tale osservazione è di particolare rilievo tenuto conto della riduzione nel 2013 rispetto all’anno precedente dei quantitativi di vendita d’acqua pari a circa 5 mln di m3 (-4,5%). I dati economici del 2012 e del 2013 tengono conto di rinunce, rispetto all’automatica applicazione delle nuove norme tariffarie del SII, accettate dalla Società su proposta dell’Ente d’Ambito sia per quanto concerne la tariffa dell’acqua all’ingrosso che i canoni applicati al gestore del SII per i beni dallo stesso realizzati e gestiti ma finanziati e di proprietà della Società, il tutto in attuazione degli indirizzi impartiti dai Soci, enti pubblici locali della Romagna, di massimo contenimento delle tariffe del SII applicate all’utente finale compatibilmente con la sostenibilità economica e finanziaria della Società; complessivamente le rinunce suddette sono state pari nel 2012 a 3,1 mln di euro (di cui 2,6 mln di euro per l’acqua all’ingrosso e 0,5 mln di euro per i canoni) e nel 2013 a 4,4 mln di euro (di cui 3,9 mln di euro per l’acqua all’ingrosso e 0,5 mln di euro per i canoni).

Il conto economico del 2013 tiene conto inoltre della restituzione alla tariffa dell’acqua della componente relativa alla quota di remunerazione sul capitale per il periodo 21.7-31.12.2011 per 774.512 euro, restituzione dovuta a seguito degli esiti del referendum abrogativo della stessa svoltosi del 2011.